back
 
Verran per gli altri Estate, Autunno, Inverno, 
sempre sorriderà a te Primavera.
Rubato hai agli dei il segreto eterno
che ignora il crepuscolo e la sera.

Prima quartina apocrifo 171 da “ I Sonetti di W. Shakespeare,  tradotti e interpretati da Lorenza Franco”, Ed. La Vita Felice, 2000

.

 

 

di Vini di Versi

Creazione?

Non era necessario
che la vita apparisse,
evento imprevedibile
dovuto solo al caso.
 
Siamo tutti dei fossili:
impresse dentro noi
- stimmate di ascendenza -
strutture microscopiche.
 
Le idee sono organismi,
si fondono e si evolvono,
sognano sdoppiamenti
come cellule vive.
 
Tralignamenti etnici,
mutazioni improvvise
passate inosservate
ricreano la storia.
 
Il brodo primordiale,
mito fondante e unico,
culla di eventi eroici:
ma ogni storia finisce.
 
Lorenza Franco