back
 
Verran per gli altri Estate, Autunno, Inverno, 
sempre sorriderà a te Primavera.
Rubato hai agli dei il segreto eterno
che ignora il crepuscolo e la sera.

Prima quartina apocrifo 171 da “ I Sonetti di W. Shakespeare,  tradotti e interpretati da Lorenza Franco”, Ed. La Vita Felice, 2000

.

 

 

di Vini di Versi

Mi scovano i ricordi

Mi scovano i ricordi ovunque vada,
s’appostano e mi sbarrano la strada.
Cerco di svicolar, girarci intorno,
ma inutilmente, sempre mio è lo scorno.

Ti stai, a poco a poco, allontanando…
Lo so che vuoi disperderti nel Nulla,
sola lasciarmi in questa landa brulla
che non distingue il come, il dove, il quando.

Ritorno sui miei passi sconsolata,
vorrei non aver detto, né aver fatto,
ad una vita rimediar sbagliata,
sfidando del Destino quel ricatto.

Utopico il silenzio della mente,
troppi pensieri affliggono, impietosi.
Non si può ritornare ad esser niente,
evitando percorsi dolorosi.

Lorenza Franco