back
 
Verran per gli altri Estate, Autunno, Inverno, 
sempre sorriderà a te Primavera.
Rubato hai agli dei il segreto eterno
che ignora il crepuscolo e la sera.

Prima quartina apocrifo 171 da “ I Sonetti di W. Shakespeare,  tradotti e interpretati da Lorenza Franco”, Ed. La Vita Felice, 2000

.

 

 

di Vini di Versi

Al figlio

Sempre a me ti rivolgi col sorriso,
figlio che non ho amato e non volevo,
che esistesse l’amore non sapevo,
o si nasce all'inferno o in paradiso.

Dovunque ti hanno messo, devi stare,
il karma è crudele invenzione,
chi è più forte vuol sottomissione,
eppur sai che ti dovresti ribellare.

Ma non sai come, tutto è programmato,
il dolore degli altri insegnamento
che irride oppure ignora il tuo lamento.
Dibattersi e soccombere è scontato.

Hai dovuto imparare a recitare,
non si accorga nessun di quel che provi,
scoprir vorresti sentimenti nuovi,
impara invece i vecchi a mascherare.

Con mani vuote ti offro la mia vita,
ricominciare non si può daccapo.
Cercar me stessa solo un rompicapo,
fu di tristezza un’anima riempita.

Milano, 23 luglio 2019 Lorenza Franco