back
 
Verran per gli altri Estate, Autunno, Inverno, 
sempre sorriderà a te Primavera.
Rubato hai agli dei il segreto eterno
che ignora il crepuscolo e la sera.

Prima quartina apocrifo 171 da “ I Sonetti di W. Shakespeare,  tradotti e interpretati da Lorenza Franco”, Ed. La Vita Felice, 2000

.

 

 

di Vini di Versi

C'è un'isola

C’è un’isola rocciosa che m’attende,

non son nemmen sicura che ci sia.

Eppure devo andarci, di stupende

visioni m’è garante Fantasia.

 

Dovrò affrontare qualche traversia,

un prezzo l’avventura già pretende:

l’oceano in tempesta, qualche arpia

che Ulisse un dì sloggiò dalle sue tende.

 

Ma quando il sogno chiama, non s’arrende

l’ardita navigante in allegria,

pericolose incontrando vicende,

continuerà per la sua  folle via.

 

Adorna di sacrificali bende,

la vittima affronta l’agonia.

Presso l’altare il sacerdote attende:

sempre vincente la ierocrazia.

 

Itaca non sarà l’isola mia,

su Santorini una leggenda pende,

ma Atlantide fu solo un’utopia.

Opimo di ex-voto e di prebende,

 

il sacro non sarà più mercanzia,

divinità adorando ancor più orrende

di una derisa già mitologia

sull’isola rocciosa che m’attende.

 

31 gennaio 2005 Lorenza Franco