back
 
Verran per gli altri Estate, Autunno, Inverno, 
sempre sorriderà a te Primavera.
Rubato hai agli dei il segreto eterno
che ignora il crepuscolo e la sera.

Prima quartina apocrifo 171 da “ I Sonetti di W. Shakespeare,  tradotti e interpretati da Lorenza Franco”, Ed. La Vita Felice, 2000

.

 

 

di Vini di Versi

Vino

Bianco. Rosato. Rosso. Forte e vivo
va rianimando e rallegrando il cuore
quando mano gentil l’abbia dosato
che, se misura abbonda per errore,
diviene ebbro chi lo bevve insensato,
procurandosi dolo e malore.
Puro ci appare quando, ben celato,
del grappolo nel nettare si asconde,
fin dagli antichi tempi molto amato.
Robusto, al sangue sa donar conforto.
Sorbito caldo fugge via il malanno.
Seppellisce il dicembre di ogni anno,
se, in coppa ne fa festa lieto sorso
alla mensa del re, o del tapino,
cambia di marca, giammai l’innato
umore, memoria viva dell’antico licore
che seppe confortar Noé sull’Arca.
Che sia novello, oppur, un po’ invecchiato,
temperato all’ambiente, o ancor ghiacciato,
mantenuto in bottiglia, o dentro un tino,
regalo è degli dei per noi: è vino.

Evi Guida